Come cambiano le case dopo la pandemia Covid

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

La vita dopo l’epidemia di Covid-19 non sarà più la stessa di prima. Siamo all’inizio della fine, in attesa di un nuovo inizio. I valori, le nostre vite e le abitudini cambieranno e anche le nostre case cambieranno sotto quell’influenza. I massimi esperti di architettura hanno ipotizzato cinque nuovi scenari che si potrebbero creare a causa del Covid.

Voglia di spazio

I palazzi sono stati progettati per organizzare quante più persone possibile in un unico luogo. La salute e l’igiene non erano una considerazione. In tempi di pandemia, è necessario ridurre il contatto con tutto ciò che viene utilizzato negli edifici multipiano: ascensore, pulsanti dell’ascensore, maniglie delle porte, superfici e, soprattutto, vicini. Dopo l’isolamento forzato su diversi piani fuori terra, spesso senza balcone o terrazza, desidereremo disperatamente tutti avere una casa.

Può essere piccolo, ma con un cortile e una terrazza dove si può prendere il caffè la mattina. Nel tempo, la funzione primaria della casa è stata la sicurezza. Inizialmente, fungeva da nascondiglio dal maltempo e dagli animali predatori. Quindi, furono costruite alte fortezze di pietra per impedire al nemico di entrare. Oggi, le persone hanno bisogno di una casa che possa fornire efficacemente isolamento sociale. Più che una fuga dalla routine e dal caos urbano, la casa offre ora un rifugio da virus e infezioni. L’urbanizzazione fa un passo indietro mentre ci trasferiamo in piccoli villaggi e periferie cittadine.

Edifici indipendenti

Gli edifici del futuro saranno orgogliosi e indipendenti, con il proprio approvvigionamento idrico e riscaldamento. I pozzi geotermici stanno già guadagnando popolarità. Oltre all’acqua, possono parzialmente fornire una casa con il riscaldamento. Ci saranno diverse altre fonti di riscaldamento da avere come rete di protezione: una stufa, un camino, una caldaia a combustibile solido, un generatore a combustibile, pannelli solari. Le mini-stazioni autonome che generano energia alternativa diventeranno una realtà. L’obiettivo sarà l’indipendenza dal mondo esterno, riducendo al minimo i rischi in caso di arresto completo. Internet via satellite è attualmente un servizio costoso e scomodo, accessibile solo a determinati individui e organizzazioni, come i trasporti marittimi, le società minerarie e edili e le organizzazioni militari. In futuro, gli sviluppi per uso civile saranno accelerati, offrendoci un accesso molto rapido a Internet.

Filtrazione e neutralizzazione

I sistemi di filtrazione dell’acqua e dell’aria tendono ad essere visti come un’aggiunta non necessaria, facilmente abbandonata. Dopo la pandemia la tendenza cambierà, poiché le persone si preoccupano di cosa potrebbe accadere se un virus dovesse entrare nella rete idrica. Per essere sicuri, le persone saranno disposte a pagare per gli scavi, i rilievi e i sistemi di filtrazione necessari per installare un pozzo. I produttori di sistemi per la casa intelligente faranno un ulteriore passo avanti.

I loro programmi non solo controlleranno la temperatura dell’aria in casa, ma anche la sua qualità e, se necessario, la puliranno automaticamente. L’aria dall’esterno verrà ovviamente filtrata. Le famiglie particolarmente esigenti possono anche creare una stanza delle pulizie dotata di distributori di antisettici. Attraversare questo spazio sarà l’unico modo per entrare in casa per le consegne o gli ospiti. Inoltre, le case saranno anche dotate di una lampada che genera radiazioni ultraviolette, che possono uccidere alcuni organismi nocivi, virus e batteri.

Casa come il nuovo ufficio

Durante la quarantena, la maggior parte è costretta a lavorare da casa. Ci saranno persone che, il primo giorno dopo la quarantena, correranno per incontrare i colleghi e bere quel caffè in ufficio. Ma ci sarà chi non vorrà più tornare in ufficio. Sarà data maggiore attenzione alla sistemazione del posto di lavoro a casa. L’organizzazione spaziale cambierà, con il posto di lavoro a casa non più identificato solo con una scrivania. Ora sarà una stanza completamente separata con grandi finestre, tende oscuranti e mobili confortevoli. Sarà tecnicamente attrezzato e insonorizzato. In risposta, gli uffici faranno maggiori sforzi per riconquistarci. Tutto ciò che hanno le migliori aziende diventerà un luogo comune.

L’agricoltura urbana diventa globale

Una volta era di moda avviare piccoli giardini vicino alle case o sui balconi, ma ora sarà un boom. Come ci hanno detto i nostri nonni, il giardinaggio è calmante. È dimostrato che l’interazione fisica con le piante viventi fa bene alla nostra salute mentale. Coltivare ciò che mangi è piacevole e ti dà un po’ di libertà dalla tua routine quotidiana, in particolare durante l’autoisolamento. La quarantena è forse il momento migliore per saperne di più sui giardini interni: come coltivare piante dai semi e creare una razione di cibo, anche se vivi in ​​un edificio a più piani. Oltre a produrre cibo, i giardini interni possono fornire ossigeno. La tendenza dei fitopareti esiste da molti anni, ma non abbiamo esplorato tutto il potenziale che offre per l’interior design.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest