Cosa serve per avere un open space? Gli elementi da non dimenticare

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Uno dei trend più in voga per l’arredamento è l’open space, una zona giorno condivisa, con cucina e soggiorno e che offre la sensazione di spazio aperto e ampio con la possibilità di allestire come meglio crediamo senza però trasformare in caos ciò che abbiamo. Per questo è importante avere alcune idee basilari per capire come creare un open space all’altezza della situazione. Gli spazi devono essere funzionali e delimitati così da separare comunque le varie zone. Per farlo abbiamo scelto cinque consigli per capire come si può ottenere un open space

  • Fluidità
  • Definizione
  • Disposizione mobili
  • Illuminazione
  • Accessori

Fluidità

In un open space è ancora più importante assicurarsi che tutti gli elementi funzionino insieme e lo spazio appaia coeso. Quindi attenersi a un concetto di colore della vernice in tutto lo spazio aperto. Se vuoi introdurre un nuovo colore, provalo in una stanza con porte, come camere da letto e / o bagni. Un colore in tutto mantiene la sensazione di spazio aperto. Lo stesso vale per i pavimenti: mantienili coerenti (come la vernice) per mantenere quel flusso che offre quella sensazione e aspetto spazioso

Definizione

A volte l’open space è semplicemente troppo aperto. Usa i tappeti per definire le stanze. Un tappeto in un soggiorno riunisce i mobili creando una stanza focalizzata che è perfetta per la conversazione ma mantiene comunque quell’aspetto aperto. Il tappeto è anche un ottimo modo per aggiungere consistenza e colore.

Disposizione dei mobili

Quando si tratta di posizionare i mobili, molti di noi usano i muri come guida. La TV va sul muro e lo stesso fa la parte posteriore del divano, giusto? Ma se non hai muri cosa fai? È necessario posizionare i mobili in modo da poter creare spazi di conversazione e spazi di intrattenimento e spazi da pranzo, quindi le disposizioni fluttuanti sono fondamentali. Una disposizione fluttuante significa che il divano o qualsiasi mobile non è ancorato a una parete, quindi è fluttuante. Un tavolino da divano è un ottimo modo per aggiungere un “muro” e aiutare ad ancorare il divano in modo che non sembri perso.

Illuminazione

Proprio come la vernice e i pavimenti rimangono coerenti con il tuo stile, così vale anche per le finiture dell’illuminazione. Bisogna avere un piano quando si tratta degli infissi che si desidera utilizzare. Appendere un grande lampadario su ciascuna area designata. Ad esempio, installa un lampadario direttamente sul tavolo della sala da pranzo, un ventilatore a soffitto con un kit di luci sul soggiorno e un’illuminazione a sospensione in cucina. Quindi, torna indietro e aggiungi luci da incasso o apparecchi più piccoli in tutti e tre gli spazi per un progetto di illuminazione completo, centrando alcuni di questi sulle passerelle che hai creato con il posizionamento dei mobili.

Gli apparecchi di illuminazione che scegli avranno un grande impatto sul fatto che lo spazio complessivo sia coeso o disgiunto, quindi prenditi il ​​tuo tempo per scegliere lo stile, la finitura, le dimensioni e il posizionamento di ciascuno.

Accessori

Questi piccoli dettagli aggiungono davvero un po’ di personalità e danno unità. I piccoli tocchi che scegli per gli accessori dovrebbero configurare ogni spazio come una splendida stanza a sé stante, oltre a legarli tutti e tre insieme in modo che coesistano magnificamente. Ad esempio elementi organici come pietre, arte paesaggistica e decorazioni in legno, devono essere usati in ogni stanza. Non devi abbinare i pezzi, ed è preferibile che tu non lo faccia, ma mantieni gli elementi uguali.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest