Superbonus, le strategie degli istituti di credito

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Il decreto Rilancio ha previsto il cosiddetto Superbonus 110%. Si tratta di uno strumento fondamentale creato per aumentare l’efficienza energetica degli edifici e/o ridurre l’impatto sismico. Data l’importanza e l’utilità, sono tante le banche che hanno puntato su strategie ben precise per agevolare la cessione del credito. Destinato a tutti coloro che intendono sfruttare al meglio il Superbonus 110. L’agevolazione prevede una detrazione, ripartita in 5 anni, che riguarda lavori mirati, comprese le installazioni di pannelli solari e di colonnine per la ricarica di auto e scooter elettrici.

strumenti per progetto come quando ritrutturare casa consulenza immobiliare milano

La disciplina del Decreto Rilancio

Il Decreto Rilancio ha disciplinato l’utilizzo di questa tipologia di bonus in due modalità:

  • in compensazione dei propri debiti fiscali su più quote annuali;
  • mediante “sconto in fattura” operato dall’esecutore dei lavori, con conseguente passaggio della titolarità del credito in capo a quest’ultimo, che ne potrà usufruire con le stesse modalità che la Legge prevede per il committente.

In entrambi i casi il bonus è cedibile alle banche e agli altri intermediari finanziari. Tante quindi le offerte per le cessioni del credito. Per Intesa SanPaolo la compensazione del Superbonus avverrà in base alla tipologia dei lavori effettuati:

  • con Superbonus al 110% la compensazione avverrà in 5 quote annuali
  • per Ecobonus, Sismabonus, Bonus ristrutturazione e Bonus Facciate la compensazione avverrà in 10 quote annuali.

La proposta di Intesa SanPaolo

Il termine Superbonus, Ecobonus e altri Bonus fiscali edilizi comprende tutte le agevolazioni che lo Stato concede. Agevolazioni sotto forma di credito d’imposta, a fronte degli interventi considerati agevolabili dal decreto Rilancio.

Sono ammessi alla cessione del credito di Intesa Sanpaolo questi soggetti:

  • persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni (nel caso di interventi su singole unità immobiliari nel massimo di due per singolo proprietario);
  • condomìni (nel caso di lavori sulle superfici comuni come la realizzazione del cappotto termico, l’installazione d’impianti fotovoltaici o la sostituzione della caldaia). In qualità di consumatore, il condominio sottoscriverà il contratto di cessione del credito per il tramite dell’amministratore. Sono esclusi i condomini composti esclusivamente da persone giuridiche;
  • istituti autonomi case popolari (IACP)
  • cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa
  • enti del terzo settore iscritti nei pubblici registri (ONLUS, Organizzazioni di volontariato, APS)
  • associazioni e società sportive dilettantistiche (per lavori sugli immobili adibiti a spogliatoi).

Il corrispettivo di cessione sarà pagato dalla banca al cliente entro 5 giorni lavorativi successivi alla data in cui il credito risulti nel cassetto fiscale della banca. Inoltre il cliente deve aver consegnato a Intesa Sanpaolo la documentazione accompagnatoria prevista. Il corrispettivo sarà corrisposto mediante accredito sul conto corrente indicato. Viene determinato in misura percentuale del valore nominale del credito ceduto.

Unicredit e gli altri istituti di credito

Unicredit è stata la prima banca ad attivarsi per la messa a punto della proposta proposta relativa alla cessione del credito.

I dettagli sono contenuti nel Foglio Informativo n. MI393. Per l’acquisto dei crediti fiscali da persone fisiche e condomini, il prezzo è fissato a 102 euro ogni 110 euro. L’offerta per le imprese è 100 euro ogni 110 euro.

Al di fuori dei lavori rientranti per il Superbonus si potrà optare per la cessione del credito e lo sconto in fattura. Il prezzo di acquisto viene fissato a 78 euro ogni 100 euro.

Unicredit ed Intesa San Paolo sono le prime banche ad essersi messe in moto per strutturare le proprie proposte di cessione del credito. Infine da BNL a BPER, fino a Poste Italiane, sarà settembre il mese decisivo per conoscere tutte le proposte.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest